Tag: serie b

Il Ragusa Rugby ospita la Partenope

Leonardo Chessari in azione

Bella sfida casalinga per il campionato di Serie B

La Senior, dopo la trasferta di Roma, torna a casa. E lo fa per affrontare, nella sfida di giornata del Campionato di Serie B, la Partenope Rugby. Una formazione che, nonostante quello che dice la classifica attuale, ha grandi potenzialità ed esperienza da vendere.

Ma il Ragusa Rugby, come sottolinea il Team Manager Luca Tavernese, è pronto a fare la propria parte.

“Torniamo da Roma con la certezza di aver disputato un’ottima partita contro Villa Pamphili, quindi in campo cercheremo di mettere a frutto quanto si è visto in trasferta. E’ anche vero che non potremo sfruttare la green line che ci ha accompagnato nelle ultime partite, visto che l’Under 18 è impegnata in una delicata ed importante sfida e ha bisogno dei suoi effettivi. Giocando in casa, però, potremo schierare un quindici composto dall’esperienza di tutti i nostri giocatori Senior. Appuntamento alle 11, allo Stadio del Ragusa Rugby, per una giornata, secondo le previsioni meteo, all’insegna del bel tempo; per questo, invitiamo tutti i ragusani e le famiglie a venirci a trovare nel corso della mattinata, per conoscere da vicino uno sport meraviglioso come il rugby”.

Ragusa Rugby, la linea verde paga

Sconfitta contro Villa Pamphili, ma con ottimi segnali

Continua a mostrare note positive la linea verde del vivaio del Ragusa Rugby

Villa Pamphili Roma – Ragusa Rugby 64 – 12 (p.t. 31-12)

Villa Pamphili Roma: Ricci, Coppola, Meaalofa, Pilosu, Deane, Piergentili, Giunta, Brandimarte, De Simone, Cecchini, Borraccino, Toresi, Mirabella, Marcantognini, De Filippis.
A disp. Zaccaria, Venditti, Fontana, Minnozzi, Iampieri, Rocco, Gallina.

Ragusa Rugby: Dinatale I., Lucenti, Failla, Valenti, Accardi, Dinatale G., Gulino, Pignattelli, Vona T.S., Criscione, Gueye, Vona P.B., Russo, Covato, Bonomo.
A disp. Mercorillo, Puglisi, Sammito, Diallo, Cappa.

p.t.: 5’m. Lucenti (Meta, 0-5); 9’m. Ricci (Meta), Piergentili (Trasformazione, 7-5), 10’m. Vona (Meta), Dinatale (Trasformazione, 7-12); 18′ m. Deane (Meta, 12-12); 21′ m. Coppola (Meta), Piergentili (Trasformazione, 19-12); 24′ m. Marcantognini (Meta, 24-12); 38′ m. Deane (Meta), Piergentili (Trasformazione, 31-12).

s.t.: 53’m. Cecchini (Meta), Meaalofa (Trasformazione, 38-12); 58’m. Coppola (Meta), Meaalofa (Trasformazione, 45-12); 64’m. Piergentili (Meta, 50-12); 72′ m. Meaalofa (Meta e Trasformazione, 57-12); 78′ m. Coppola (Meta), Meaalofa (Trasformazione, 64-12).

Il risultato, contro una delle formazioni fuori categoria rispetto al campionato di Serie B, e tra le più accreditate al salto verso altri lidi, lascia il tempo che trova.

Il Ragusa Rugby, esce infatti dalla trasferta romana contro Villa Pamphili, con ampie note positive.

I ragazzi di coach Adriano Nicita, infatti, hanno impaurito, soprattutto nella prima fase, i loro avversari di giornata, passando subito in vantaggio con una meta del giovanissimo Lucenti, grande prova al debutto in prima squadra, e reagendo subito dopo al sorpasso avversario. Per larghi tratti della prima frazione, il Ragusa Rugby sembrava poter guidare una sfida complessa contro una compagine di altissima qualità e sicuramente più strutturata per la categoria. Poi, i padroni di casa hanno ingranato la marcia, e, alla fine della prima frazione, si sono portati in netto vantaggio.

A quel punto, i ragazzi di coach Nicita, hanno puntato il bonus mete, arrivando molto vicino al traguardo, svanito, come si dice in gergo sportivo, per questione di centimetri. Nell’ultima parte della seconda frazione, il Villa Pamphili ha imposto la legge del più forte, con gli iblei sconfitti ma di certo non abbattuti, soprattutto nel morale, vista la bellissima prestazione.

“I ragazzi – spiega il Team Manager del Ragusa Rugby, Luca Tavernese – sono usciti molto soddisfatti per la prestazione. Tra gli aspetti più positivi, oltre ai debutti di molti under 18, che proseguono la nostra linea di crescita costante, anche il riconoscimento, da parte del Villa Pamphili, a un gladiatore come Andrea Gulino, eletto dai nostri avversari, a fine partita, quale miglior giocatore in campo. Ora, la prossima sfida in programma, sarà a Ragusa, con la Partenope, una formazione la cui classifica non rispecchia l’effettivo valore, dimostrato, ad esempio, in questo turno, con la sconfitta di misura contro una big quale l’Avezzano Rugby. Un’altra occasione, per noi, per fare il punto sui progressi finora mostrati, e provare a ottenere i primi importanti frutti del grande lavoro svolto, anche negli allenamenti settimanali”.

Ragusa Rugby all’esame Villa Pamphili

Francesco Failla in azione

Prima partita dell’anno per i ragazzi di Adriano Nicita, a Roma, contro Villa Pamphili. Appuntamento in campo fissato per le 12.

Una formazione, quella romana, ormai stabilmente nei quartieri alti della Serie B, con le grandi del girone.

Una sfida, quindi, che per il Ragusa Rugby si annuncia ancora in salita, nell’ottica di quel percorso di crescita che resta il faro della stagione.

“Non ci siamo fermati – spiega il Team Manager, Luca Tavernese – nemmeno nella pausa natalizia, continuando ad allenarci al meglio, anche se il periodo ci ha giocato, in coda, un brutto scherzo, ovvero alcune influenze di stagione che ci costringeranno, domani, a poter contate su una formazione ancora rimaneggiata. Affrontiamo questa trasferta sicuramente difficile, consapevoli di quanto abbiamo fatto e di quanto dobbiamo fare. Come abbiamo ribadito chiudendo lo scorso anno, siamo in crescita e ci stiamo adeguando al livello di un campionato complesso come quello di Serie B. Contiamo, al più presto, di ottenere quei risultati che sono nelle nostre corde e, già a partire da domani, aspetteremo con serenità il giudizio sovrano del campo”.

Il carattere del Ragusa Rugby

Ragusa Rugby e US Roma Rugby con lo striscione di “Ci ridiamo Su”

Vince l’US Roma Rugby, ma gli iblei giocano bene

Ragusa Rugby – US Roma Rugby 7-26 (p.t 7-21)

Ragusa Rugby: Dinatale I., Accardi, Chessari, Valenti, La Rocca, Dinatale G., Malfa, Gulino D., Pignattelli, Criscione, Sammito, Vona P.B., Russo, Vona T.S., Bonomo.

A disp. Covato, Mercorillo, Gueye, Gulino A., Tumino, Diallo, Minardi.

US Roma Rugby: Cellucci, Corradini, Caracciolo, Soares, Cavazza, Murgia, Giamminonni, De Roma, Napolitano, De Candia, Fornasiere, Lezzi, La Barbera, Dinacci, Mazzucchelli.

A disp. De Rossi, Veraldi, Pettinelli, Levato, Scaletta, Picot, Alberti.

p.t. 3′ m. Soares (Meta), Giamminonni (Trasformazione, 0-7); 5′ m. Cavazza (Meta), Giamminonni (Trasformazione, 0-14); 28′ m. Cavazza (Meta), Giamminonni (Trasformazione, 0-21); 30′ m. Valenti (Meta), Dinatale G. (Trasformazione, 7-21).

s.t. 80′ m. De Rossi (Meta, 7-26).

Un grande Ragusa Rugby mette in difficoltà l’US Roma, una delle squadre con maggiore “gamba” in questa prima parte della stagione, ma non riesce nello sgambetto finale, nonostante un secondo tempo giocato all’arrembaggio, senza grande fortuna.

Prima frazione di gioco con avvio pesantissimo per gli iblei che, dopo 15 minuti, sono già sotto 14 a 0. Ma, superata l’enpasse iniziale, i ragazzi di coach Adriano Nicita iniziano a macinare azioni su azioni e, dopo aver subito un’altra meta, sul 21 a 0, hanno una grande reazione immediata, con una bella meta di Enoc Valenti, frutto di una bella azione corale e relativa trasformazione del giovanissimo Gabriel Dinatale.

Gabriel Dinatale, Ragusa Rugby, in azione

La “linea verde” di coach Nicita paga e, da quel momento, è una sfida a scacchi, allo stadio del Rugby di via Forlanini, allietato dalla presenza dei clown dottori di “Ci ridiamo Su”, dopo che, in settimana, il Ragusa Rugby aveva partecipato all’invasione del sorriso nei reparti di Oncologia del Paternò Arezzo di Ragusa Ibla.

Seconda frazione di gioco con tante occasioni, da entrambe le parti, purtroppo non sfruttate dagli iblei per avvicinarsi ulteriormente. Proprio allo scadere, l’Us Roma, con un guizzo, ottiene un’altra meta, chiudendo la sfida sul 7 a 26 per gli ospiti.

Soddisfatto, ma al contempo arrabbiato, coach Nicita.

“Al di là delle valutazioni “a caldo”, che scaturiscono dall’adrenalina di una sfida alla pari, con una formazione, a mio avviso, molto forte, sono contento dei miei ragazzi. Nel secondo tempo abbiamo sofferto di meno, ci siamo fatti valere molto di più rispetto alla prima frazione dove, con un trend che continua, alcuni errori banali ci hanno condizionato, specie con compagini che hanno maggiore esperienza rispetto a noi”.

US Roma Rugby e Ragusa Rugby insieme a fine partita

Un bel risultato, comunque, per la linea verde inserita in questa sfida. “Il fatto che l’età media della nostra squadra si sia abbassata notevolmente, ha sicuramente favorito la nostra tenuta nella seconda frazione di gioco. E ciò nonostante le tantissime mischie chiuse, molto logoranti, ma che hanno funzionato davvero bene. L’aspetto più interessante è che, in questa occasione, siamo riusciti a produrre un gioco effettivo molto più frequente”.

Ora, la pausa natalizia. “Ai ragazzi – conclude coach Nicita – chiediamo di staccare la spina per ricaricare le energie mentali e fisiche, utili per affrontare al meglio la seconda parte della stagione. Non staccheremo del tutto durante la pausa, e ricominceremo con una piccola amichevole, per ritrovare la fluidità del gioco che disperderemo durante le vacanze”.

Luca Tavernese, Team Manager del Ragusa Rugby, è molto rammaricato. “Abbiamo disputato un ottimo secondo tempo ma non abbiamo sfruttato al meglio le condizioni favorevoli che si erano create. E’ un peccato, perchè ce la siamo giocata al meglio, contro una bella squadra”.

Il capitano, Stefano Russo, ragiona in prospettiva. “La squadra è stata in partita, fisicamente e mentalmente, fino alle ultime battute. Andiamo avanti così, e i risultati arriveranno, ne sono certo”.