Tag: ragusarugbygiovani

La famiglia del Rugby Tag

La sfida tra le Under 16 del Ragusa e del Cus Catania

Commovente ricordo, ad inizio giornata, di Ezio Vittorio, allenatore dell’Amatori Catania, prematuramente scomparso nei giorni scorsi

Il ricordo di Ezio Vittorio, allenatore dell’Amatori Catania prematuramente scomparso nei giorni scorsi, ha segnato la giornata dedicata al Rugby Tag che ha visto contrapporsi, domenica mattina, le formazioni Under 16 del Cus Catania e del Ragusa Rugby, nello stadio di via Forlanini.

Un minuto di silenzio e tanto spazio, prima, durante e dopo il match, per il ricordo di un grande uomo, dentro e fuori dal campo.

“Un grande amico, un grande uomo di campo, un modello per tutti, e per me in particolare – le parole del presidente del Ragusa Rugby Union, Erman Dinatale – a lui dedichiamo questa giornata, perchè lo merita. E’ un momento di sport, ma anche di riflessione, perchè Ezio ci manca e, seppur fisicamente assente, sarà sempre presente nei nostri cuori”.

“Una grande duplice emozione – ha spiegato il dirigente accompagnatore del Cus Catania, Mario Coco – Un momento di grande gioia, per il ritorno in campo e al tempo stesso di grande tristezza, per la perdita di un grande uomo di rugby come Ezio. In generale, invece, la ripresa delle attività con i ragazzi, seppur difficile, è il nostro obiettivo principale, e al momento abbiamo una lucida serenità; programmiamo e studiamo le norme, per non abbandonare i ragazzi, motivarli e prepararli anche laddove ci sarà una limitazione di tocco. Nel rugby, del resto, le motivazioni non mancano. Non ci perderemo d’animo e non ci faremo abbattere dalle limitazioni, ma con intelligenza, cercheremo di sfruttare ogni possibilità che ci sarà concessa dalla pandemia, senza tralasciare alcuna cautela del caso”.

Tanta commozione, come detto, anche perchè molti dei partecipanti della giornata conoscevano da vicino e amavano la cordialità e la competenza dell’allenatore dell’Amatori, e la voglia di misurarsi in campo, nel ricordo di Ezio.

Prima della sfida di Rugby Tag tra le Under 16 iblea ed etnea, spazio ad una partita amatoriale, sempre all’insegna del Tag, tra i ragazzi dell’Under 14 del Ragusa Rugby e le vecchie “glorie” della compagine iblea.

Poi in campo le Under 16, nel match di giornata, vinto dagli iblei, che ha visto tutti i ragazzi divertirsi e tornare, dopo la pandemia, ad “assaggiare” il sapore di una sfida sul campo, molto attesa.

“Oggi la vittoria è tornare finalmente in campo – ha spiegato l’allenatore dell’Under 16, Angelo Iozzia – In questi mesi abbiamo cercato di tenerci uniti, seppur a distanza, e ora i nostri sforzi saranno finalmente ripagati. E’ anche il segno di una ripartenza, e già, all’interno della società, stiamo lavorando e programmando la prossima stagione. Spetterà a noi far tornare nei ragazzi la motivazione che serve per sacrificarsi in campo”.

Presente anche Lorenzo Dimartino, il quale ha sottolineato come “i ragazzi, nonostante i blocchi dovuti alla pandemia, hanno continuato ad allenarsi, singolarmente, con serietà ed impegno, e questo è già visibile. Un ottimo punto di partenza, in vista della ripresa della stagione”.

“Ringraziamo il Cus Catania – spiegano i vertici della società iblea – per aver partecipato ad una giornata di festa così importante, nonostante la tristezza, per tutti, della prematura scomparsa di Ezio i cui insegnamenti e la cui passione, ne siamo certi, ci accompagnerà sempre, sul campo e fuori”.

Ora si prosegue, probabilmente, già domenica prossima, con una sfida tutta al femminile, di cui saranno forniti maggiori aggiornamenti e dettagli in settimana. Nel frattempo, il Ragusa Rugby, anche rispetto a quanto accaduto, di recente, negli Europei di Calcio, fa presente che prosegue l’attività di realizzazione dei corsi Blsd di primo soccorso. “Riteniamo sia giusto – spiegano i vertici della società iblea – fare sempre in modo che tutta la società, tecnici e dirigenti accompagnatori compresi, siano in possesso della certificazione e della competenza necessaria per affrontare ogni emergenza”.

Il Ragusa Rugby rientra a scuola

Nel frattempo prosegue la formazione dei nuovi tecnici

Formazione e divulgazione, per far conoscere, a tutti, la meraviglia del gioco del rugby.

Questo il duplice obiettivo del Ragusa Rugby che, da tempo, investe risorse e programmazione sui due cardini fondamentali dello sviluppo del club con prospettiva futura.

Per questi motivi, la società iblea ha provveduto ad attivarsi per potenziare lo staff tecnico, in particolare, del Mini-Rugby, accogliendo anche risorse, professionali, provenienti da altre discipline sportive, senza limitazioni di sorta. Tre, in particolare, i nuovi ingressi, i quali hanno già partecipato ad alcuni incontri, proprio al fine di conoscere gli aspetti specifici del gioco del rugby, per poterli poi applicare e divulgare in particolare ai più piccoli.

Nel frattempo, attraverso la responsabile del Progetto Scuola del Ragusa Rugby, la prof.ssa Giummarra, il club, grazie alla disponibilità della dirigente scolastica, Carmela Sgarioto, ha avviato un percorso didattico con l’istituto comprensivo Berlinguer di Ragusa, al fine, attraverso degli incontri specifici, di far conoscere agli studenti le caratteristiche e la bellezza del gioco del rugby.

“Ovviamente – spiega Peppe Berretti, tecnico federale e tutor del Ragusa Rugby – la nostra proposta, alla luca delle norme anti-Covid, si baserà semplicemente su attività motorie vicine a quelle del nostro mondo, escludendo fasi più specifiche. Nel frattempo, proseguiamo il nostro percorso di formazione interna, pienamente in linea con la filosofia del club, come abbiamo evidenziato nei primi confronti nella nostra scuola tecnica, che sta dando ottimi risultati. Un’esperienza, quest’ultima, che proseguirà anche giovedì prossimo, attraverso alcune “prove” pratiche sul campo”.

Ragusa Rugby, il bilancio di coach Nicita

Coach Adriano Nicita, Ragusa Rugby

Dopo lo stop ai campionati deciso dalla FIR

“Questo virus ci ha bloccato, ma forse ci ha anche insegnato che ci vuole quella sana cultura collettiva, un valore che per il rugby, come ha dimostrato la saggia decisione della federazione, è imprescindibile”.

Così Adriano Nicita, coach del Ragusa Rugby, commenta lo stop definitivo della stagione 2019/2020 in tutte le categorie.

“Ovviamente, dal punto di vista tecnico, per noi è un peccato – spiega ancora Nicita – anche perchè, come aveva dimostrato la vittoria con la Partenope, eravamo riusciti a raggiungere una maturità tale da colmare, passo dopo passo, quel gap che ancora ci separava dalle ultime quattro o cinque squadre del campionato di Serie B. E inoltre, questo stop forzato ma giusto, sarà ancora più complicato dal fatto che il prossimo anno le nostre formazioni giovanili salteranno tutte di categoria e, quest’anno, hanno giocato, purtroppo, poche partite. Sarà compito nostro far sì che la loro crescita tecnica e umana prosegua, appena potremo ricominciare, senza intoppi”.

Lo stesso Nicita fa il punto anche sulle difficoltà, in questo periodo, di proseguire il percorso tecnico e fisico, al momento in stand by.

“Ho ripetuto ancora una volta – spiega coach Nicita – che da questa grande criticità, che ci sta coinvolgendo tutti, da vicino, dobbiamo cogliere l’opportunità di una riflessione, facendo diventare, come in campo, una debolezza un punto di forza e un’opportunità di migliorarci”.

E il gruppo, in questo periodo, ha reagito bene. “E’ stato un importante stress test del gruppo che ha reagito molto bene, grazie in particolare al grande lavoro dei nostri team leader, invitando anche altre persone, al di fuori del nostro ambiente, ad allenarsi, recependo al meglio, grazie agli strumenti digitali che abbiamo a disposizione, anche in prospettiva futura”.

E proprio il futuro è, come aveva detto nei giorni scorsi il Presidente del Ragusa Rugby, Erman Dinatale, una grande incognita. Anche se, almeno dal punto di vista tecnico, le basi sono solide, come conferma coach Nicita.

“Il bilancio di quanto abbiamo fatto quest’anno, nonostante la chiusura anticipata della stagione, è molto positivo. La serie B è stata un investimento importante da parte della società, che ci ha consentito di aprire i nostri orizzonti, acquisendo la consapevolezza che è necessario uno scatto ulteriore. La dimostrazione della bontà del cammino, è nel fatto che, dall’Under 18, abbiamo fatto esordire in prima squadra ben 7 ragazzi, e altri 4 avrebbero fatto il loro debutto nelle prossime partite. Stiamo parlando, in alcuni casi, di ragazzi di 17 anni, segno che la sinergia con i tecnici Massimo Cannata e Turi Bellina ha dato i suoi frutti. Non ultimo, anche negli allenamenti settimanali, creando quella competizione che è segno di evoluzione, tecnica e agonistica. E questo senza tralasciare gli ottimi risultati ottenuti dall’Under 14 e 16, così come il settore del mini-rugby, che ha lavorato tantissimo sotto il coordinamento di Rossana Vindigni, per coinvolgere da vicino i genitori e piantare i semi, preziosissimi, del Ragusa Rugby di domani. Anche dal punto di vista tecnico, abbiamo raccolto dati ed esperienze, come quella di Treviso dei mesi scorsi, che sono serviti per definire, al meglio, il progetto societario. E’ stato un anno intenso e pieno di lavoro; tanto è stato realizzato e tanto è ancora da realizzare, ma questa è la strada giusta. E di questo ringrazio tutti, la società in primis, i dirigenti, i giocatori e i genitori. Siamo una famiglia che cresce, – conclude coach Nicita – dove l’obiettivo principale è, e sarà sempre, la crescita in un ambiente sereno e che lavora, insieme, per il bene comune”.

Rugby, la Fir sospende la stagione 2019/2020

Il Ragusa Rugby in campo (foto Maria Angela Cinardo)

Erman Dinatale: “Scelta lodevole e sensata. Il futuro? Un’incognita”

“Superato questo periodo terribile, sarà dura riprendere l’attività agonistica. Ma soprattutto sarà difficile, in tutti gli sport, rugby compreso, far tornare la fiducia e l’entusiasmo, riportando le persone al campo. Inoltre, per la nostra società, e per tutte le realtà non professionistiche, è necessaria una profonda riflessione in prospettiva; il futuro, infatti, è una grande incognita”.

Così il Presidente del Ragusa Rugby, Erman Dinatale, commenta la decisione della Federazione Italiana Rugby, di sospendere, definitivamente, la stagione 2019/2020. Una scelta globale e netta, per tutti i campionati, presa in anticipo rispetto a tutte le altre realtà sportive.

“La decisione del Consiglio – si legge nella nota inviata dalla Fir – determina la mancata assegnazione dei titoli di Campione d’Italia previsti dai regolamenti e, al tempo stesso, di tutti i processi di promozione e retrocessione. La ripresa dell’attività domestica per la stagione 2020/21, sarà successivamente normata dal Consiglio e comunicata al movimento”.

“Una scelta ponderata e sensata – prosegue il presidente Dinatale – che è operata nel pieno rispetto della tutela della salute di tutti, atleti e appassionati. Non credo – prosegue Dinatale, che si potesse fare altrimenti”.

E’ chiaro che, come anticipato dallo stesso Dinatale, il futuro, al momento, è imprevedibile. Anche per la società iblea. “Il disastro economico e sociale che seguirà quello, auspichiamo breve, sanitario, rischia di mettere in serio pericolo la prosecuzione del nostro sport a livello agonistico. Abbiamo arrancato, finora, per la pasione e l’entusiasmo che ci accompagna da sempre, e per dare il giusto risalto all’impegno e all’entusiasmo dei nostri ragazzi, a tutti i livelli. Ma se il nostro sport, e non solo, a tutti i livelli, non ha ricevuto un sostegno in tempi normali, come si può pensare di ottenere risposte ora, che la situazione sociale ed economica rischia di essere quanto mai critica? Al momento, le priorità, sono ben altre. Oltre alla tutela della salute, che speriamo sia temporalmente limitata, bisognerà fornire risposte concrete alle persone che sono rimaste, già ora, senza lavoro. E poi a tutto il mondo produttivo, che è già in ginocchio. Quindi, c’è altro prima dello sport. Noi, al momento, possiamo solo ragionare, a livello societario, in astratto. Ma presto verrà il momento di guardarci negli occhi e capire cosa fare e come. Ovviamente, nello spirito del nostro sport, insieme e con il massimo impegno”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il vicepresidente del Ragusa Rugby, Paolo Sartorio. “La soluzione della Fir è la più logica, quasi naturale per il momento che stiamo vivendo. E’ chiaro che questa emergenza apre degli scenari nefasti per il nostro movimento e, ovviamente, non solo. Penso ad esempio ai nostri sponsor, e alle difficoltà economiche e sociali che tutti stiamo affrontando. Il nostro sport vive del sostentamento assicurato dai suoi partecipanti. Come faranno, domani, le famiglie a sostenere, tra gli altri, lo sforzo economico di far praticare l’attività sportiva ai propri figli? E’ una domanda che, già oggi, come società, stiamo iniziando a porci”.

Lo stesso Sartorio non ha dubbi, dal punto di vista sportivo, della bontà della decisione della Fir. “E’ assolutamente in linea con lo stile etico e morale del nostro sport. Sarebbe stata un’assurdità proseguire, e la Fir ha avuto il coraggio di fare una scelta chiara. Riprendere il campionato tra qualche mese, avrebbe significato infortuni a iosa per i nostri atleti, ad ogni livello. Nel rugby, se non sei allenato al meglio, ti fai male. Ora, è il momento di rendersi conto di cosa potremo essere domani. E di scegliere, insieme, la strada migliore”.