Tag: ragusa

Ragusa Rugby senza paura

Ruben La Rocca in azione (Foto Filippo Sicali)

Per il Ragusa Rugby si chiude, domenica, il primo trittico “pesante” di questo avvio di stagione in Serie B. Gli iblei, infatti, ospitano l’Avezzano, formazione molto accreditata per la vittoria finale nel girone e che, dopo un ottimo campionato di Serie B, lo scorso anno, punta direttamente alla promozione.

Lo dimostrano le due vittorie sul campo in altrettante partite, anche se la prima sfida, per motivi burocratici e di regolamento, è stata poi dichiara persa a tavolino.

“L’Avezzano – spiega il Team Manager Luca Tavernese – è una formazione molto strutturata, ma i nostri ragazzi, dopo le ottime risposte ottenute dalla sfida in trasferta con Frascati, avranno voglia di rifarsi. E di dimostrare, davanti al proprio pubblico, tutta la loro forza”.

“Sicuramente – ragiona coach Adriano Nicita – sarà una sfida intensa per il Ragusa Rugby. Avezzano è una formazione con elementi molto validi, peraltro rinforzati da altri giocatori provenienti da una squadra di Serie A del calibro de L’Aquila. Per noi, sarà un altro momento importante nel percorso di crescita che abbiamo intrapreso”.

Molta attenzione, da parte di coach Nicita, soprattutto ai dettagli.

“Ho parlato a lungo con i ragazzi, martedì, prima del lavoro sul campo. Cercheremo di evitare, innanzitutto – spiega – quegli errori banali che ci sono costati la sfida contro Frascati. Ci aspettiamo un altro duro confronto, specie in mischia, con i nostri avversari, e dovremo essere bravi, soprattutto, a mantenere un possesso palla ragionato. L’obiettivo è osare, andando oltre i nostri limiti, ma senza buttare palloni al vento e cercando di essere più cinici”.

Il segreto, con una formazione esperta come Avezzano, è la rapidità nelle scelte.

“Dobbiamo provare, soprattutto – sottolinea Nicita – ad essere più veloci dei nostri avversari. Dobbiamo alzare il livello, intensificando ulteriormente i nostri sforzi, anche fisici, per sfondare quel tetto che ancora ci separa da squadre di questo livello. Domenica, in questo senso, mi aspetto un ulteriore passo avanti. Il nostro mantra, al di là del risultato finale, è sempre lo stesso: la crescita costante. L’aspetto più bello di queste prime settimane, è che il morale dei ragazzi è ancora alto, nessuno ha intenzione di mollare, e tutti mostrano lo stesso entusiasmo. Sappiamo dove siamo e dove vogliamo arrivare”.

Tra le squadre più sorprendenti di questo primo scorcio di campionato, coach Nicita inserisce l’U.S. Roma.

“Guardando i risultati delle prime due giornate – afferma Nicita – è la vera sorpresa. Non ci aspettavamo, infatti, che una squadra neopromossa come noi, fosse così avanti. Evidentemente, anche a livello di risorse umane e di preparazione, hanno fatto un ottimo lavoro”.

Appuntamento, quindi, domenica alle 11,30, nello Stadio del Rugby di via della Costituzione, con l’invito rivolto a tutta la città, da parte del Presidente, Erman Dinatale, di passare una bella giornata all’insegna del rugby e del sostegno ai ragazzi del Ragusa.

Ragusa Rugby, Nicita carica la squadra

Adriano Nicita, coach del Ragusa Rugby

“Sarà un’altra sfida particolare. Frascati, soprattutto in casa, è una squadra molto tenace, con un grande punto di forza, in particolare, nella mischia. Ma i ragazzi continuano a darmi risposte positive, anche negli ultimi allenamenti. Quindi, faremo il massimo, come sempre”.


Così Adriano Nicita, coach del Ragusa Rugby, descrive la prima trasferta degli iblei nella stagione di Serie B, in programma domenica alle 15,30.
“Frascati, peraltro – aggiunge Nicita – ha perso la prima partita, e ora è all’esordio in casa. Sicuramente, i nostri avversari saranno belli carichi nell’affrontare la sfida contro di noi, domenica. Ma noi siamo pronti”.


“Subito dopo – sottolinea lo stesso Nicita – affronteremo in casa un’altra “top level” del girone, come Avezzano. D’altronde, sapevamo che questo trittico, sarebbe stato particolarmente impegnativo”.


Ma proprio coach Nicita torna sulla partita di domenica, dove il Ragusa Rugby è uscito sconfitto nella sfida con l’Us Primavera Rugby Roma.


“Abbiamo acquisito molti dati su cui lavorare – spiega – Da parte mia, sono molto soddisfatto di come i ragazzi hanno affrontato un impegno molto difficile, con una squadra che, nel corso della preparazione, ha affrontato compagini di altissimo livello e che ha una serie di individualità di categoria superiore. Ma il Ragusa Rugby ha lottato fino alla fine, nonostante un primo tempo, giocato molto bene, ma che si era chiuso in maniera penalizzante in termini di punteggio. C’è il carattere, c’è il gruppo, c’è una forte appartenenza al club, c’è la voglia di essere un esempio per tutto il movimento rugbistico ragusano. E questi, sono segnali importanti per la nostra stagione”.


Il coach degli iblei, però, non si accontenta. “Quella di domenica – sottolinea – è stata una sfida utile a capire che possiamo e dobbiamo dare qualcosa in più. Possiamo fare meglio nella touche, in mischia siamo riusciti ad uscire in maniera efficace ma senza avanzare, ma quel che è più importante è che abbiamo ancora importanti margini di miglioramento. E soprattutto la consapevolezza, da parte di tutti noi, che dobbiamo andare ancora oltre, perchè il livello delle formazioni che affrontiamo ci impone una crescita costante”.


Come si concretizza tale impegno? Nicita è sicuro. “Dobbiamo essere delle spugne, con la serenità che abbiamo dimostrato subito dopo la sconfitta di domenica, anche negli allenamenti settimanali. E con la voglia di imparare, crescere, potenziare le nostre capacità, tutti insieme. E questo, lo posso dire con grande soddisfazione, sta già accadendo”.


Ovviamente, la sconfitta di domenica ha lasciato un pò di amarezza. “Certamente, ma, come ho ribadito ai ragazzi subito dopo la partita, i risultati arriveranno. Quel che conta è vivere al meglio questa esperienza, portando, anche nel movimento rugbistico ragusano, quelle caratteristiche positive che osserviamo nei nostri avversari, anche quelli più quotati. Questo, perchè l’obiettivo centrale di questa avventura è far crescere, insieme a noi, tutto il movimento. Solo così, attraverso l’inclusione, l’innalzamento costante del livello, e il coinvolgimento della comunità ragusana, farà crescere la nostra società e, di conseguenza, la nostra squadra. E’ il modo migliore per rendere questo progetto una realtà concreta e duratura, nel tempo. E i ragazzi sono già pronti a fare la propria parte, con il sostegno di tutti”.

Forza Giulio!

Giulio Battaglia, colonna della rappresentativa italiana al World Police & Fire Games

La famiglia del Ragusa Rugby Union, è stata sempre extra-large.

Per questo, quando un ragazzo che cammina o ha camminato con noi, ottiene un grande risultato, sportivo e non, ci piace onorarlo come merita, seppur a distanza!

E’ il caso di Giulio Battaglia!
Lui, in realtà, non ha mai giocato con noi. Però, nasce nel vivaio ragusano di rugby e, nonostante sia fuori provincia per impegni universitari, è sempre vicino al nostro mondo e al nostro ambiente.

Giulio, in primo piano, in occasione della premiazione

Ogni volta che si trova a Ragusa, infatti, viene alla nostra “base” di via della Costituzione, per allenarsi con noi, e condividere con la famiglia del Ragusa Rugby, un pezzo della sua vita!

Per questo, siamo doppiamente felici, per la vittoria della rappresentativa nazionale dei Vigili del Fuoco, al mondiale 2019 del World Police & Fire Games, a Chengdu, in Cina.

La rappresentativa italiana, a Chengdu, in Cina

Giulio, colonna della rappresentativa, è raggiante.

“Un’emozione unica, sia per il luogo, la Cina, speciale, in cui ci trovavamo – spiega – sia per il fatto che eravamo allenati da Nolli Waterman, punto di riferimento del Rugby Mondiale.

Un’avventura nata quasi per caso, con tanti ragazzi che non si conoscevano nemmeno, non solo dal punto di vista sportivo, e che, in una sola settimana di intensi allenamenti, sono riusciti a compiere un piccolo miracolo sportivo. Il feeling tra noi, – prosegue Giulio – è cresciuto strada facendo, e, passo dopo passo, abbiamo raggiunto un’insperata finale, contro la rappresentativa francese.
L’avevamo già incontrata nella fase eliminatoria, e avevamo pareggiato.

La felicità di Giulio e dei suoi compagni

Ma in Finale, siamo stati praticamente perfetti, con una partita in cui abbiamo dato fondo alle nostre ultime energie, ma soprattutto abbiamo mostrato un grande cuore.

E’ stato bellissimo, poi, cantare insieme il nostro inno nazionale, uniti sotto la nostra bandiera.

Grazie a tutti voi, un caro abbraccio a tutta la famiglia del rugby ragusano”.

Grazie a te, Giulio!

Ragusa Rugby, ecco il calendario ufficiale

L’avventura della Serie B parte il 20 ottobre con la sfida casalinga contro la Primavera Roma

Il Presidente, Erman Di Natale: “Sarà un campionato lungo e difficile, ma siamo pronti”

In pieno periodo estivo, il Rugby scalda già i motori per la prossima stagione. La Commissione Organizzatrice Gare della Fir ha infatti ufficializzato il calendario del Campionato di Serie B per la stagione sportiva 2019/20, con 48 squadre al via, tra cui il Ragusa Rugby Union, promossa dalla Serie C.

La formazione iblea è inserita nel girone 4 della terza serie nazionale, insieme ad altre 11 squadre: Arvalia Villa Pamphili, Polisportiva Paganica, C.L.C. Messina Rugby, Partenope Rugby, Rugby Roma 1947, Frascati R. Club 2015, Primavera Roma, IVPC Rugby Benevento, Rugby Roma Olimpic Club 1930, Avezzano Rugby e CUS Catania Rugby.

Il Ragusa Rugby Union ha già iniziato la preparazione

Il campionato partirà il prossimo 20 ottobre e fino al 24 maggio tutte le squadre impegnate nei giorni, si contenderanno uno dei quattro posti in palio per la Serie A 2020/21.

Nella prima giornata, gli iblei partono subito forte tra le mura amiche di via della Costituzione, alle 15,30, contro la Primavera Roma, reduce dal campionato di Serie A. Una compagine, quella romana, molto forte e accreditata di ottime voci per una pronta risalita nella serie superiore.

“E’ una corazzata – afferma il Presidente del Ragusa Rugby Union, Erman Di Natale – tra le candidate più probabili al salto di categoria. Ma è un bene affrontarla subito, anche per testare il livello della nostra preparazione. Ci impegneremo, da subito, per dimostrare sul campo le nostre qualità”.

Il 27 ottobre, ancora una sfida “pesante”, in trasferta, con il Frascati. Il trittico ad alta tensione, prima di una pausa di due settimane, sarà completato, il 3 novembre, dalla sfida casalinga contro l’Avezzano.

“E’ un campionato lungo e molto impegnativo – prosegue Di Natale – che ci vedrà impegnati in trasferte nel Lazio, in Abruzzo e in Campania, oltre che a Catania, contro il Cus, e a Messina, contro il Clc, le due siciliane che, con noi, inseguono risultati importanti, in una serie di sfide contro compagini di grande esperienza e qualità, ma soprattutto ben messe in campo. Ma, come sempre, il Ragusa Rugby, ne sono certo, saprà farsi valere”.

Peraltro, la formazione iblea ha già iniziato la preparazione.

In previsione di una stagione molto impegnativa – conclude il Presidente del Ragusa Rugby Union – già da fine luglio abbiamo iniziato il nostro cammino, con allenamenti in palestra e sul campo, per affrontare al meglio l’intera stagione”.

Di seguito, tutte le sfide che vedranno gli iblei protagonisti dal 20 ottobre al 24 maggio, con le relative date.

20/10/2019. Ragusa Rugby Union – Primavera Roma (rit. 16/02/2020)
27/10/2019. Frascati Rugby – Ragusa Rugby Union (rit. 01/03/2020)
03/11/2019. Ragusa Rugby Union – Avezzano Rugby (rit. 22/03/2020)
17/11/2019. Olimpic Roma – Ragusa Rugby Union (rit. 29/03/2020)
24/11/2019. Ragusa Rugby Union – Cus Catania (rit. 05/04/2020)
01/12/2019. Benevento Rugby – Ragusa Rugby Union (rit. 19/04/2020)
15/12/2019. Ragusa Rugby Union – Clc Messina (rit. 26/04/2020)
22/12/2019. Ragusa Rugby Union – Roma 1947 (rit. 03/05/2020)
12/01/2020. Villa Pamphili Roma – Ragusa Rugby Union (rit. 10/05/2020)
19/01/2020. Ragusa Rugby Union – Partenope Rugby (rit. 17/05/2020)
26/01/2020. Paganica Rugby – Ragusa Rugby Union (rit. 24/05/2020)