Tag: ragusa rugby

Il Ragusa Rugby torna in campo

Sfida di Tag Rugby, sabato, con l’Amatori Catania

Finalmente si torna in campo. La data, cerchiata in rosso sul calendario del Ragusa Rugby, è quella di sabato, alle 17,00. Di fronte, l’Amatori Catania, formazione di Serie A di altissimo livello, che assicurerà alla sfida il sapore del vero agonismo.

Modalità di gioco, il Tag Rugby, definito anche Flag Rugby, su cui la società iblea ha puntato in questa ripresa delle attività post-Covid.

Un gioco privo di contatto, dove gli sfidanti devono indossare all’altezza della vita una cintura di velcro, con due nastri legati. Lo strappo dei nastri, ovvero i tag, da parte degli avversari, è la chiave del gioco in sostituzione del classico contatto.

Ovvero, se al giocatore che avanza portando palla viene sottratto il tag dal proprio avversario, l’azione può proseguire solo con il passaggio veloce ad un compagno, in ottemperanza a uno dei nostri principi cardine, ovvero il sostegno della squadra. Ogni squadra ha un massimo di sei avanzamenti possibili per arrivare alla meta.

E’ un sistema di gioco molto usato nel Regno Unito, il quale basa su questo l’intera attività rugbistica con i bambini, mentre è molto diffuso, come sport ricreativo, in tutti i paesi del Commonwealth.

“E’ fantastico – spiega il presidente del Ragusa Rugby, Erman Dinatale – tornare a calcare il nostro nuovissimo, splendido campo per un’attività pienamente agonistica, è il modo migliore per credere che, forse, il peggio, in termini di pandemia, sta passando.

I ragazzi che ho avuto modo di sentire in questi giorni hanno un entusiasmo e una voglia decuplicati. Il fermo dell’attività, nonostante le tante iniziative che abbiamo realizzato in questi mesi, e la continua preparazione individuale, è davvero deprimente per atleti che hanno voglia di misurarsi sul campo”.

Unica pecca, l’assenza forzata di pubblico. “Il problema – spiegano i vertici della società iblea – è legato alla necessità di adeguare le tribune e renderle pienamente fruibili alla luce delle nuove normative. Ma anche questo aspetto sarà superato a breve, ne siamo certi”.

La sfida con l’Amatori, prevede la prima partita in casa iblea e il ritorno, a Catania, in programma il 5 giugno.

“Siamo carichi, motivati e abbiamo voglia di misurarci in un’attività che, seppur priva di contatto, è interessante e spettacolare – spiega il Team Manager, Luca Tavernese – Siamo certi che sarà un grande momento di gioia. Per tutti”.

Il Rugby “spopola” in Spiaggia

L’entusiasmo dei piccoli rugbisti in erba

“Una giornata di sole, mare e, ovviamente, rugby”.

Così il Presidente del Ragusa Rugby Union, Erman Di Natale, commenta l’ormai consueto appuntamento con il “rugby in spiaggia”.

Grande agonismo, durante le sfide in spiaggia

Un’iniziativa fortemente voluta dalla società, che nelle domeniche d’estate a Marina di Ragusa, tra il “Margarita” e “LaOla Beach”, coinvolge e appassiona tanti bambini.

Ieri, tanti ragazzi in spiaggia, come sempre, entusiasti e coinvolti nei “primi approcci” con la palla ovale.

Foto di Gruppo al termine di “Rugby in Spiaggia”

“Consultandoci con il resto della società – spiega Andrea Iacono – abbiamo notato che molta gente, a Ragusa, conosce il Rugby solo di nome. Per questo, abbiamo deciso di partire dalle spiagge di Marina, e soprattutto dai bambini. E devo dire che, dopo aver provato l’emozione di giocare, tutti, ma proprio tutti, si sono divertiti ed entusiasmati”.

Erman, al termine della giornata, appare un pò stanco, ma molto, molto soddisfatto.

Anche perché, la risposta dei bambini, come sempre, è stata davvero importante. Sia in termini numerici che, soprattutto, di divertimento.

I ragazzi impegnati nelle sfide di mini-rugby

“E’ sempre bellissimo – spiega – per noi, giocare con i bambini. E vedere che tante mamme e tanti papà, appena conoscono il nostro mondo, si appassionano. Ovviamente, ora, ci aspettiamo un’ulteriore crescita, nei prossimi appuntamenti”.

E questa settimana, la data da segnare in rosso sul calendario, per tutti i curiosi e gli appassionati, è quella di mercoledì

“Saremo presenti a “LaOla Beach”, -spiega ancora il Presidente – per Marina Sport Week, con tornei dedicati al mini-rugby. L’auspicio, ovviamente, è che molti dei bambini che ho visto veramente contenti di giocare, passino, al più presto, al manto erboso, – conclude Erman – e diventino dei veri e propri rugbisti in erba”.


Stanchi ma soddisfatti. I ragazzi e gli organizzatori del “Rugby in Spiaggia”