LA STORIA


1967-2017

Il rugby a Ragusa arriva nel 1967 grazie al catanese Franco Taralla Pintaldi, un funzionario dell’Ufficio Imposte trapiantato nel capoluogo ibleo per motivi di lavoro.
La squadra si chiama “Ragusa Rugby” e fino al 1970 disputa una sorta di campionato riserve cui partecipano le seconde squadre delle società siciliane.
Nella stagione 1970/1971 il Ragusa Rugby prende parte al campionato di serie D e lo vince. La promozione in C arriva dopo gli spareggi con Salerno e Segni.
Al termine di quella stagione la società cambia denominazione e diventa “Ragusa Rugby Club Salvatore Padua”, in memoria dello sfortunato atleta ragusano morto nel 1968 a soli 28 anni.
Negli anni il Padua ottiene diverse promozioni in serie B e altrettante retrocessioni in C.
Nella stagione 2009/2010 le società di rugby a Ragusa diventano tre: al Padua si aggiungono il Clan Rugby Ibleo e l’Audax Rugby Ragusa (che si uniranno due anni più tardi nel Rugby Audax Clan).
Negli anni successivi le società iblee ottengono diversi successi sia a livello senior, vincendo in più occasioni il campionato di serie C, che con le formazioni giovanili, sfiorando a più riprese la promozione nei campionati Elite.
Nel 2016 entra a far parte del movimento rugbystico ibleo anche il Rugby della Contea, che disputa insieme al Rugby Audax Clan la stagione 2016/2017.
Ma i grandi obiettivi che i due gruppi si prefiggono e meriterebbero di raggiungere sono vanificati dal ristretto bacino umano cui entrambi possono attingere
Così, nell’estate 2017, le due dirigenze mettono da parte le rivalità e danno vita al Ragusa Rugby, nel nome un ritorno al passato, negli intenti uno slancio verso il futuro, un futuro con grandi ambizioni.