SFIDA TRA AQUILE

 

Giuseppe Cusumano 10 NOVEMBRE 2017

Domenica, alle ore 11, L’Under16 del Ragusa Rugby affronta i pari età de L’Aquila. È importante vincere per ritornare nella parte alta della classifica.

Probabilmente una delle sfide-chiave, per i ragazzi dell’Under16 del Ragusa Rugby in questo torneo di Elite, arriva nel momento meno opportuno per la nostra compagine.
Una serie di infortuni ha messo fuori combattimento almeno tre dei suoi elementi, ma coach Fumarola non perde il suo buon umore.
“Ho un gruppo di venti ragazzi che lavora con grande impegno e sempre maggiore voglia. Dispiace per Alberto, per Alba e Casco, ma chiunque entrerà in campo saprà cosa fare e non farà mancare il proprio apporto”, esordisce Maurizio Fumarola, reduce da uno stage all’Accademia di Roma, durante il quale nientemeno che Massimo Mascioletti ha fatto i complimenti alla compagine iblea.
Piove a dirotto, ma neanche questo pare essere un problema. “Ci siamo allenati come sempre, e lo faremo anche stasera, probabilmente dopo le 20:30. Ci servirà per mettere a punto quanto serve per affrontare L’Aquila”.
Che partita si prevede?
L’Aquila ha battuto Benevento per tre mete a due, domenica scorsa: dopo tre sconfitte, seppure contro le migliori formazioni del torneo, adesso verranno in casa nostra molto motivati.
“Come da tradizione aquilana, hanno una squadra molto forte da un punto di vista fisico, ragazzi robusti che giocano sempre frontale ed al centro. Lì dovremo essere bravi a non farci sovrastare, e cercare subito di aprire il gioco come sappiamo”.
Di certo un campo pesante non aiuta. “No, non aiuta…”, è la risposta di coach Fumarola. “Ma dobbiamo assolutamente evitare di lasciarci irretire dalla loro forza. Abbiamo un ottimo gioco alla mano, e la partita dovranno farla i nostri trequarti. Velocità e lucidità nel trovare i varchi: sperando che l’ovale non ci cada spesso dalle mani…”, sorride.
In serata, dunque, i tecnici parleranno molto col gruppo. La sfida tra le aquile inizia il proprio conto alla rovescia: quelle che arrivano dall’Abruzzo per dare continuità al primo risultato utile; quelle ragusane, con quell’aquila gladiatoria sullo stemma, che rappresenta un intera città in attesa, questa domenica mattina, di un nuovo successo in Elite.
Fischio d’inizio alle ore 11:00.