AVANTI IL PROSSIMO

Federica Tribastone 3 NOVEMBRE 2017

Finalmente l’Under18 del Ragusa Rugby, dopo tre settimane, torna di nuovo in campo. Avversario il temibile Cas Reggio Calabria

Riposo? Adesso basta! L'Under18 di Alessio Lamia è stufa di aspettare ancora, vogliono giocare, ma questo è anche ovvio visto che siamo quasi ad un quarto del campionato e i ragusani hanno giocato una sola partita.
Questa, a quanto pare, non sembra essere l’annata giusta per il campionato Under18: squadre che rinviano le partite a pochi giorni dalla domenica in cui si dovrebbero disputare, altre che si ritirano per mancanza di giocatori e poi ci sono quelle, come il Ragusa, che attendono di essere chiamate a scendere in campo.
Lamia durante l’intervista settimanale, ha fatto notare delle differenze sostanziali tra nord e sud, sottolineando il fatto che noi rispetto a “quelli di su” siamo notevolmente indietro: “tutte queste domeniche di riposo fanno male, i ragazzi DEVONO giocare! Pensare che domenica 5 novembre giochiamo la seconda partita di campionato, posso permettermi di dire, che è scandaloso. Io, che provengo dal nord, posso dirvi che lì le squadre hanno già disputato 5/6 partite. I nostri ragazzi vengono qui 4 volte alla settimana, quindi è giusto che la domenica giochino”.
In queste settimane di riposo cosa avete fatto? “Abbiamo continuato a lavorare, i ragazzi sono stati sempre presenti e qualcuno è riuscito anche a giocare con la prima squadra; stiamo dando un occhio di riguardo alla touche, dato che nella prima partita di campionato non è andata molto bene e poi siamo riusciti a disputare un’amichevole contro la prima squadra giovedì scorso”.
Degli avversari, il Cas Reggio, si sa poco, ma dal risultato della partita con l’Amatori Catania 1963 possiamo dire che non sarà una squadra da sottovalutare: “Abbiamo affrontato lo stesso avversario e anche loro hanno fatto un buon risultato con un distacco discretamente ampio. Ce la dobbiamo giocare. Voglio disciplina da parte dei miei ragazzi e non dobbiamo prendere troppi calci di punizione perché sono quelli che ci mettono in difficoltà. Dobbiamo riuscire a mettere in campo tutto ciò che abbiamo fatto in queste tre lunghe settimane, in questo modo credo che non dovremmo avere problemi”.
Nella partita con l’Amatori, Lamia ha ripreso i suoi ragazzi per il ritmo di gioco alquanto altalenante: “Ci siamo adeguati a loro e questo non doveva succedere, visto che quando ci alleniamo o quando disputiamo qualche amichevole con la prima squadra il nostro ritmo è elevato. Comunque in quella partita pian piano ci siamo ripresi e quel ritmo è andato ad aumentare; siamo stati capaci di gestire il restante match”.
Quindi ritmo da tenere sott’occhio, la touche che deve essere precisa, il non adeguarsi agli altri e non meno importante fare il proprio gioco. Beh, che dire, le raccomandazioni sono state fatte, il Ragusa adesso è pronto ad alzarsi dalla panchina e riscaldarsi perché è giunto il loro momento.
Appuntamento al campo Forlanini domenica 5 Novembre alle ore 13 in punto per Ragusa-Reggio. Imperdibile!