A ROMA PER FAR PUNTI

Giuseppe Cusumano 27 OTTOBRE 2017

L’Under16 del Ragusa Rugby sarà impegnata domenica con i pari età delle Fiamme Oro. Ancora un incontro difficile.

Ultimo allenamento settimanale per i ragazzi della Under16, si tirano le somme e si mettono a punto le strategie per l’imminente trasferta a Roma, domenica si affrontano le Fiamme Oro, quella ‘Roma Legio Invicta’ capace di strappare ai calci piazzati la partecipazione al campionato d’Elite ai catanesi del Cus, dopo una battaglia finita in parità.
Coach Maurizio Fumarola osserva il gruppo dei suoi ragazzi lavorare con il presidente Erman Di Natale, e sorride al riparo d’un vento umido. “Dei prossimi avversari sappiamo soltanto questo: che hanno affrontato alla pari i ragazzi del Cus Catania, vincendo grazie ai calci. Di sicuro è l’ennesimo avversario duro, ma probabilmente tra tutte le squadre romane è quella per noi maggiormente abbordabile…”.
Intorno riecheggia il solito concetto, sono Massimo Lucenti e Daniele Gulino che parlottano. “Dipende sempre da noi, cerchiamo di non guardare gli altri. Pensiamo a correggere gli errori con l’allenamento, pensiamo ad entrare in campo con la stessa cattiveria che gli avversari mettono in campo. Noi non siamo da meno…”, conclude Massimo Lucenti.
Di certo, se la parte fisico-atletica è quella preponderante in questo momento, la parte tecnico-tattica costituisce materiale su cui lavorare con grande attenzione. “Non sarebbe male poter esaminare tutti insieme le varie fasi dei match appena giocati, non tanto per compiacersi per le belle azioni, quanto per rendersi conto di tutti gli errori commessi…”, è l’intervento di Daniele Gulino.
Poi, con Maurizio Fumarola passiamo alla nota dolente. "Dobbiamo crescere mentalmente, entrando in campo decisi a non mollare mai. I momenti di pausa ci stanno, ma mollare per lunghi periodi – come a Benevento, come domenica scorsa in casa contro la Capitolina, ed anche contro il Cus Catania, in fondo – è controproducente”.
Eppure, sia coach Fumarola che coach Lucenti commentano in maniera positiva la gara contro i romani della Capitolina Rugby. Nonostante l’enorme differenza di organizzazione, in diverse fasi del match i nostri ragazzi hanno dominato gli avversari: e fare due mete, e sfiorarne una terza, contro una squadra del genere, non è roba da poco. 
L’allenamento prosegue, e c’è da mettere a punto l’organizzazione della trasferta. 
Ma intanto, nel pomeriggio, la delegazione del Ragusa Rugby è stata ricevuta dal vice sindaco Massimo Iannucci, il quale ha avuto il piacere di conoscere i ragazzi della Under16 che tanto lustro stanno dando, sportivamente parlando, alla nostra città. 
Intervistati da Luca Tavernese, i coach Maurizio Fumarola e Massimo Lucenti hanno parlato della squadra, delle prospettive e del campionato di Elite; il vice presidente Francesco Schininà ha posto l’accento sulle potenzialità dei ragazzi e sul significato di questo torneo, da un punto di vista sportivo e non solo; l’intervento del presidente Erman Di Natale è stato – a conclusione – prevalentemente istituzionale, e durante il cordiale colloquio ha avuto modo di chiedere al vice sindaco aggiornamenti circa la conclusione dei lavori alla struttura ricettiva dello stadio di via Forlanini. Ma prima di lui, il capitano del Ragusa Rugby Under16, Gabriel Di Natale, chiamato a parlare da Luca Tavernese, aveva manifestato, a nome di tutta la sua squadra, l’intenzione di portare avanti il nome della città su ogni campo, senza timori reverenziali. 
Al termine dell’incontro, il vice sindaco Iannucci ha avuto modo di ringraziare i ragazzi – stretti l’uno all’altro dietro le sue spalle - i quali rappresentano non solo il presente ma anche il prossimo futuro della città; e, soprattutto, ha tenuto a precisare che l’iter per il completamento della prima parte dei lavori, quelli riguardanti proprio la struttura ricettiva, prosegue senza intralci, e che si aspetta da Palermo la notizia per lo stanziamento dei fondi.
Dunque, adesso aspettiamo anche da Roma, questa domenica, le buone notizie sportive.