ALLE PORTE DELL'ELITE

Giuseppe Cusumano 22 SETTEMBRE 2017

Domenica al “della Costituzione” arriva il Cus Catania. Occorre vincere per conquistare direttamente la finale per l’accesso al campionato Elite Under16.

Domenica si fa sul serio, arriva il Cus Catania, ma davvero, mica come il Colleferro: e nonostante campionati studenteschi in giro per la penisola, la nuova Under16 del Ragusa Rugby si compatta sempre di più, serrando le fila in occasione di questo debutto realmente giocato.
I barrage nazionali vanno sudati e conquistati, ma certamente aprono le porte del paradiso del rugby giovanile: parafrasando Bob Dylan, la nostra U16 cercherà di ottenerli prima che queste porte si chiudano.
E così, sul finire dell'allenamento incontro Massimo Lucenti, disponibile come sempre a scambiare qualche battuta, soprattutto adesso che incombe questo importantissimo impegno.
«Direi che siamo pronti» - esordisce col suo tono discreto. «C'è sempre da lavorare e da migliorare. Ma lo zoccolo duro sta crescendo, si allena da luglio col massimo dell'impegno, soprattutto ha ben accolto i nuovi arrivi e quasi metabolizzato le partenze più importanti. I giovani fanno presto». 
Segno comunque che, anche da un punto di vista umano, lo zoccolo duro rimasto dallo scorso anno è cresciuto parecchio, aggiungo io.
«Segno che i ragazzi non si creano problemi, a maggior ragione se i nuovi mostrano disponibilità ad impegnarsi con la massima serietà. Sono giovani, ma già con le idee chiare».
Che partita sarà, Massimo?
«Sarà una partita tosta, da giocare con la massima attenzione. Loro hanno giocato l'Elite lo scorso campionato, quindi è una squadra abituata a lottare a certi livelli. Anche loro hanno perso gli elementi del 2001, ma il quindici visto domenica scorsa contro il Messina è comunque temibile».
E i nostri?
«I nostri vengono da una cavalcata incontrastata, quella dello scorso campionato, dominata con punteggi rilevanti. E, paradossalmente, domenica il problema potrebbe essere proprio questo: abituati a vincere senza eccessivi patemi, i nostri ragazzi potrebbero psicologicamente andare in sofferenza qualora dovessero trovarsi in svantaggio. Ci sarà da stare attenti».
Le contromisure?
«Nessuna in particolare. Oggi abbiamo lavorato sulla difesa e sulla reattività, con impegno ma senza caricare i ragazzi di eccessive responsabilità. Non aver giocato domenica scorsa, da un certo punto di vista, potrebbe essere stata una cosa non del tutto positiva: oggi infatti conosceremmo il nostro reale potenziale. Tanti ragazzi sono arrivati, ed altri ne stiamo recuperando, e la partita di martedì sera contro i nostri ragazzi della U18 ha confermato che siamo tosti anche noi. Sapremmo giocarcela».

Insomma, neanche per quelli del Cus sarà una passeggiata. Intanto i ragazzi hanno finito e sfilano stanchi e sorridenti verso lo spogliatoio. Massimo allora chiede scusa, mi saluta e si accoda a loro.
E dunque, domenica mattina sarà come sempre il campo a dire quali delle due squadre avrà ottenuto il paradiso, dopo il match, ma prima che qualcuno le chiuda, queste benedette porte.

Queste le partite in programma domenica:

Turno di semifinale


Roma Legio Invicta

Avezzano

Frascati 2015

Viterbo

Ottopagine Benevento

Nea Ostia

Napoli Afragola

Villa Pamphili

Primavera Roma

Sambuceto

Ragusa Rugby

Cus Catania

 

Turno di ripescaggio


Esperience School Roma

Tigri Bari

Arnold Rugby Roma

Appia Salario

Civitavecchia

IV Circolo Benevento

Rugby Vesuvio

Latina

Roma Olimpic

Santa Maria CV

Colleferro

CLC Messina

Battendo il Cus Catania, i ragusani giocherebbero in casa, domenica 8 ottobre, la finale per l’accesso al Campionato Elite con una tra Roma Legio Invicta, Avezzano, Colleferro o CLC Messina.
Perdendo, invece, disputerebbero il Turno di recupero, sempre in casa, domenica 1 ottobre, con la vincente di Esperience School Roma – Tigri Bari.