19
MAGGIO
2017
blog

SI PUÒ FARE

Domenica si gioca il ritorno delle semifinali Play Off e il Padua Under18 ospita il IV Circolo Benevento. Per i ragusani obbligatorio vincere in modo netto.

Domenica scorsa Benevento ha ospitato l’andata della semifinale play off per l’accesso al prossimo campionato Elite Under18. Padua da un lato e IV Circolo Benevento dall’altra. Partita alquanto sofferta per i paduini che hanno subito per quasi 50 minuti, per poi reagire riuscendo a segnare due mete in una sconfitta che ha potuto insegnare loro concetti base come l’importanza dell’unione di squadra e la lotta che occorre fare per imporre in campo il proprio gioco, concetti che, ahinoi, non si sono visti per tutto il primo tempo.
Domenica sarà invece Ragusa ad ospitare la partita di ritorno. Riusciranno i ragazzi di coach Gurrieri, approfittando della carica che darà loro giocare sul proprio campo e davanti ai propri tifosi, a ribaltare il 31-14 dell’andata?
I Campani, lo abbiamo visto la scorsa settimana, non sono per nulla da sottovalutare e di questo Gurrieri ne è convintissimo: “Sono tecnicamente e tatticamente evoluti, hanno una bellissima resa dello spazio con profondità pertinente. Hanno dei bei lanci di gioco. Il loro punto di forza sta proprio lì”.
Ripensando all’andata, il mister si concentra soprattutto sugli errori che hanno commesso i biancoazzurri, errori che sono costati minuti preziosi, secondi in cui si poteva recuperare un’intera partita. “Il primo tempo è da dimenticare. Non conoscevamo gli avversari e abbiamo subito il loro gioco, trovandoci quasi sempre in difficoltà. Non abbiamo sfruttato il nostro punto di forza cioè il fisico, lo abbiamo fatto solo negli ultimi 20 minuti e da lì qualcosa è cambiato. I possessi palla sono stati pochissimi, tanti invece li abbiamo perduti in modo stupido. Dobbiamo migliorare sul mantenimento del possesso e sul nostro gioco che deve essere molto più fisico. Domenica sarà dura riuscire a ribaltare il risultato dell’andata, sarà difficile ma non impossibile. I ragazzi lo sanno ma sanno anche che non hanno altra scelta che provarci”.
Come dice un vecchio adagio, la speranza è l’ultima a morire. E i Ragusani ci sperano proprio, e faranno di tutto perché la speranza si trasformi in certezza.
Mi auguro che l’atteggiamento mentale sia quello giusto già ad inizio partita e che duri per tutti i 70 minuti. Bisognerà lottare fino a che l’arbitro non fischierà la fine”.
E dopo una settimana di allenamenti serrati, tra due giorni vedremo se la banda “Gurrieri” riuscirà a cogliere i frutti del loro duro lavoro.
Al campo di Via della Costituzione il fischio d’inizio verrà dato dal signor Letterio Scopelliti alle ore 11. La dirigenza paduina si augura che il tifo in tribuna diventi il sedicesimo uomo in campo.