Trofeo Cappello, festa grande

Una domenica di puro divertimento

“Tutti hanno vinto, ma ha vinto soprattutto la grande macchina organizzativa del Ragusa Rugby, che in ogni manifestazione non tradisce mai. E poi, hanno vinto genitori, famiglie, appassionati che hanno affollato le tribune e il village per il terzo tempo. Infine, hanno vinto loro, i ragazzi. Se la meritavano una giornata così, dopo due anni di stop”.

E’ un raggiante Erman Dinatale, presidente del Ragusa Rugby, che commenta così la grande domenica del Trofeo Cappello, nello stadio del rugby di via Forlanini.

Un grande aiuto all’organizzazione è venuto dagli sponsor, tra cui Abiomed, che ha anche omaggiato tutti i partecipanti delle carote biologiche di produzione locale, nonchè Cieffe Gelati Algida, che ha pensato alla ristorazione tramite gelato di tutti i presenti, Spiga D’Oro, che ha fornito il pane per tutti, Lo Stile del Verde, che ci ha accompagnato con le sue splendide creazioni floreali, Avis Ragusa, che ha preparato le bottigle d’acqua mai così preziose in una giornata di grande caldo come quella di ieri.

Oltre 150 partecipanti e sei clubs da tutta la Sicilia. E’ stata una festa

Sei clubs partecipanti, 12 formazioni in campo, oltre 150 presenti, per un ritorno che ha avuto il sapore della rinascita.

Il Trofeo Cappello, storico evento organizzato dal Ragusa Rugby, è tornato davvero alla grande, dopo lo stop causa pandemia Covid.

Presenti le formazioni Under 11 e 13 de i Cavalieri Messina, Messina Rugby, i Fenici di Marsala, i Briganti di Librino e il Cus Catania

“Una grande festa – spiega il vicepresidente, Paolo Sartorio – che fin dalla mattina ha popolato con numeri importanti e attivi tutta l’area dello stadio di via Forlanini. Ci voleva, per noi e per tutti i partecipanti. E’ stata una gioia ritornare al Trofeo Cappello e viverlo da protagonisti”.