Il Ragusa Rugby vi augura Buon Natale

Giuseppe Garozzo, Giorgio Carbonaro, Stefano Russo, giocatori del Ragusa Rugby in versione Natalizia
Giuseppe Garozzo, Giorgio Carbonaro, Stefano Russo, giocatori del Ragusa Rugby in versione Natalizia

Tre improponibili Elfi extra-large, con maglione natalizio verde e sagoma di Babbo Natale senza testa, a dare il benvenuto in allegria a tutti coloro i quali (e sono stati circa 350!) hanno voluto partecipare a questa prima Cena Natalizia del Ragusa Rugby, evento che vuole rappresentare da qui in avanti un festoso momento di incontro fra tutti coloro i quali hanno a cuore la palla ovale, e soprattutto la palla ovale a Ragusa, da 50 anni ad oggi: e così, genitori, ragazze, appassionati, bambini e monumenti viventi del rugby ibleo, tutti insieme a raccontarsi e ridere, a commuoversi e a ballare, a ritrovarsi e a ricordare, fra scherzi e buffet e musica e l’immancabile voce narrante di Luca TAV a scandire i momenti più significativi,
ed a presentare l’impossibile.

Tre vaganti Elfi oversize – Giuseppe Garozzo, Giorgio Carbonaro, Stefano Russo – ed uno bianco classic – Enoc Valenti – a intrattenere quanti alla spicciolata hanno invaso, fino a riempirla, la grande sala trattenimenti di Valle di Era addobbata di tavoli e luci, con il sottofondo della buona musica affidata a Bruno Calabrese e le immagini proiettate dal nostro Turi HD, e ad un certo punto sembrava che l’afflusso di gente non avesse più una fine, e sembrava anche un rivedersi incessante come di gente che si conosce da sempre e che è soltanto stata momentaneamente altrove, tutto qui.

La presentazione del nuovo direttivo del Ragusa Rugby non appena apparso il Presidente Erman Dinatale, e le ragazze e le mamme della palla ovale tutte splendide, e i giovanotti più piccoli e meno formali a giocare nel cortile sottostante, troppo sottostante persino per la nebbia britannica che ha avvolto la città di sera come dentro a una ovatta quieta di luci soffuse.
E dentro, il calore la musica e il brusio rimbombavano allegria, fra le estrazioni della lotteria e le tante premiazioni, sotto lo sguardo attento di istituzioni e grandi sportivi, passato remoto e prossimo, con ospiti di riguardo: l’Assessore Giovanni Giuffrida che rassicura i presenti, i lavori si faranno presto – manto erboso sintetico, tribuna coperta e Club House – prima di premiare il gruppo degli Operativi del Ragusa Rugby, esempio di squadra nella squadra, emblema di disponibilità e dedizione.

Orazio Arancio e l’abbraccio storico con Turi Leggio, ricordi di momenti pionieristici e scambio di leggende, come la meta dell’attuale Presidente del Comitato Siciliano di Rugby agli Springboks.

Il sorriso materno e sorpreso della mamma di Davide Nasello, Under 18 all’Accademia di Roma, che sottolinea come la distanza continentale da un figlio si possa compensare enormemente con la sua felicità ovale: in mano il premio consegnatole da Gianni Saraceno, Vicepresidente del Comitato Regionale.

L’impacciato raggrumarsi dei Papà attorno al riconoscimento consegnato dal Vicepresidente Paolo Sartorio, e quello più solare e colorato delle Mamme dei rugbisti, una bella cornice di grazia intorno al Direttore Sportivo Gianni Biazzo.

Lo stupore commovente della Nonna Maria, ora la nonna di tutti i rugbisti ragusani, che accompagna ad ogni allenamento il proprio nipotino, e la grande cavalleria di Raffaele Criscione che scorta fino al premio Franco Moltisanti, presidente storico del rugby ibleo.

La semplicità disarmante di Ciccio Failla, capitano del Ragusa Rugby, cui è andato il premio speciale, fa da contrappunto alle commosse parole del Presidente Erman Dinatale, tra giovani speranze e vecchi amici che purtroppo ‘hanno passato l’ovale’.

Gli Elfi XXXL hanno dismesso gli estrosi panni, e sguinzagliati tra gli invitati hanno iniziato a seminare allegria e a dispensare scherzi, mentre Mimmo Arezzo ricorda che si può essere ex sindaco ma MAI ex rugbista: prima di consegnare il premio (miglior giocatore della Under 14 della passata stagione) a un frettoloso Tommy Occhipinti, troppo impegnato fuori a giocare a rugby con gli amici nella nebbia.

Un incessante Gianluca Occhipinti – organizzatore epico di questo evento – ha distribuito premi muovendosi senza sosta, ma intanto è stata la volta di Roberto Sica, invitato a premiare il miglior giocatore Under 16: in assenza di Alberto Nicita, in arte Tavolino, a Roma anch’egli presso l’Accademia, i suoi emozionatissimi genitori Roberta ed Elio, senza parole ma tanto il loro viso ha comunque trasmesso più del dovuto.

Coach Maurizio Fumarola ha invece consegnato il premio quale miglior giocatore della Under 18 della scorsa stagione a Simone Malfa: operato da soli 10 giorni al naso per l’infortunio di Messina, Simone è già tornato ad allenarsi, esempio concreto del rugby come disciplina mentale e caratteriale.

A Gianluca Occhipinti è andato l’onore di premiare la migliore giocatrice del Ragusa Rugby: una sfavillante ed emozionata Giulia Iozzia è stata invitata dall’implacabile Tav a parlare della sua esperienza in maglia azzurra, con la Nazionale Italiana di League Femminile, e lei lo ha fatto con la consueta eleganza, profilo basso sostenuto a gran voce da tutte le sue spettacolari compagne di squadra.
Cena a buffet e le prime danze, ineludibili momenti di convivialità, prima che il Presidente Erman Dinatale consegnasse l’ultimo riconoscimento: miglior giocatore Giron Viaggi della scorsa stagione all’immenso Andrea Gulino, simbolo di uno sport capace di coinvolgere tutti, ma proprio tutti, ed in grado di forgiare persone portatrici di quei valori che, difesi e trasmessi, renderebbero più umana qualsiasi società e qualunque ambito.

Nel corso della festa l’estrazione dei premi messi in palio dai tanti sponsor che sostengono il Rugby a Ragusa.
AgromonteHiblasus: i salumi della tradizioneOttica Claudio Bonura Corso ItaliaLuca TrapaniTikiTaka – PizzeriaAutoparts RdcSikuraPeccati di Gola RagusaBuscemi GioielliGiron ViaggiBasakiCriscione e CriscioneAntonio TringaliMarcello Cannizzo AgencyFrangipaneVincenzo Samer Sport LicitraTuri GuastellaValentina BattagliaCampo Giovanni PneumaticiElisa Freestyle, Estetica Gemma, Officina Ezio MuccioDespar SiciliaBar dello stadio ragusa.

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *