Ragusa Rugby, sconfitta senza drammi

Il Ragusa Rugby saluta i propri tifosi a fine partita

Ragusa Rugby-Paganica Rugby 14-73 (p.t. 0-31)

Ragusa Rugby: Accardi, Dinatale I., Cappa, Valenti, La Rocca, Dinatale G., Malfa, Gulino D., P.B. Vona, Pignattelli, Gueye, Sammito, Russo, T.S. Vona, Covato.
A disp: Mercorillo, Puglisi, Bonomo, Iacono, Chessari, Gulino A., Sartorio.

Paganica Rugby: Cialente, Colaiuda, Liberatore F., Rotellini S., Cortesi, Rotellini F., Valdrappa, Chiaravalle, Giordani, Suarez, Cinque, Pasqualone, Liberatore A., Lattanzio, De Dominicis.
A disp: Alibi, Mastracci, Paolini, Turavani, Anitori, Modica.

p.t.: 13’m. Liberatore F. (Meta), Rotellini S. (Trasformazione 0-7); 15’m. Rotellini S. (Meta e Trasformazione 0-14); 19’m. Liberatore F. (Meta), Rotellini S. (Trasformazione 0-21); 31’m. Colaiuda (Meta, 0-26); 36’m. Suarez (Meta, 0-31).

s.t: 43’m. Colaiuda (Meta) Rotellini S. (Trasformazione, 0-38); 48’m. Suarez (Meta), Rotellini S. (Trasformazione 0-45); 53′ m. Cialente (Meta), Rotellini S. (Trasformazione, 0-52); 60′ m. Cialente (Meta), Rotellini S. (Trasformazione, 0-59); 65′ m. Valdrappa (Meta), Rotellini S. (Trasformazione, 0-66); 68’m. Rotellini S. (Meta) Rotellini S. (Trasformazione, 0-73); 75′ Meta Tecnica Ragusa (7-73); 80′ Meta Tecnica Ragusa (14-73).

Arbitro: Riccardo Fagiolo (Roma). Assistenti: Santocono e Stagno.

“Loro ci hanno fatto soffrire tantissimo dal punto di vista fisico, ma nonostante ciò, specie nei primi 20 minuti, abbiamo fatto pressione in difesa. Un atteggiamento che, alla lunga, è logorante, per noi, che progressivamente abbiamo perso smalto. I nostri avversari hanno avuto, a quel punto, la capacità di penetrare più volte nella nostra difesa, giocando un rugby bello e veloce”.

Così, coach Adriano Nicita, fotografa la sfida con il Paganica, questa mattina, nello stadio del Ragusa Rugby di via Forlanini. Una sconfitta netta, contro avversari molto più forti, ma che ha mostrato gli ulteriori, positivi, progressi, degli iblei.

“Dobbiamo recuperare, come dicevo nei giorni scorsi – prosegue coach Nicita – quel gap enorme che abbiamo con alcune delle squadre più forti di questo girone. Un girone che, del resto, come mostra la classifica, non è eterogeneo, con una netta differenza tra le prime, come Paganica, e le ultime della classe. Siamo comunque fiduciosi, anche per il bel finale messo in campo oggi. Non abbiamo mai mollato e, appena ne abbiamo avuto occasione, abbiamo infilato due belle giocate, dimostrando che, mentalmente e fisicamente, siamo rimasti sempre dentro la partita”.

Sulla stessa lunghezza d’onda, anche il Presidente del Ragusa Rugby, Erman Dinatale. “Avversario ostico – afferma – tosto e ben organizzato, molto bravo sul gioco aperto. Ma noi abbiamo giocato tanti palloni, spesso anche bene, e ci è mancata quella incisività che fa la differenza. Del resto, nel girone di ritorno, abbiamo piena consapevolezza dei nostri punti di forze e delle criticità, per questo, a mio avviso, ce la giocheremo alla pari con le formazioni alla nostra portata, e risaliremo la china”.

Il prossimo avversario, sarà la Primavera Rugby, che lo stesso Dinatale ha definito come “una delle formazioni più forti di questo campionato”.

“Sarà un’altra sfida difficile, così come, a breve, Avezzano, ma che ci servirà – spiega coach Nicita- per crescere ed affrontare le sfide con le squadre a noi vicine in classifica, anche perchè il gruppo è sempre più forte e coeso, e deve superare anche giornate negative come questa. Stiamo tornando ad avere a disposizione altri giocatori che erano fuori da tempo e stiamo gettando le basi per il nostro futuro. Soprattutto, stiamo facendo crescere un’autoesigenza nei nostri ragazzi. Quello che fanno i nostri avversari, e che loro vedono in campo, ha un perchè. E noi dobbiamo essere capaci di sviscerare i motivi e le caratteristiche che osserviamo, per arrivare a quei livelli, al più presto”.