A Ragusa la festa del Rugby

Saro Guastella in azione

Gli iblei vincono la sfida di “Tag Rugby” con l’Amatori Catania

Una giornata che ha celebrato lo sport e, in particolare, i valori fondanti del rugby.

Questo, in sintesi, il leit motiv della sfida di Rugby Tag tra l’Amatori Catania e il Ragusa Rugby, andata in scena nello stadio di via Forlanini, con il nuovissimo manto erboso.

In primis, la sfida sul campo, che si è conclusa con la vittoria degli iblei per 6 a 5, al termine di un confronto caratterizzato da ritmi altissimi in tutto l’arco dei tre tempi da 15 minuti con cui si è articolata la competizione.

“Il Ragusa Rugby – spiega Luca Tavernese, Team Manager della Senior Maschile – ha sicuramente saputo mettere in mostra tutte le proprie capacità tecniche, e, altrettanto si può dire, ovviamente, per l’Amatori Catania, la quale ha probabilmente incontrato maggiori difficoltà nell’assenza di contatto e, di conseguenza, nella possibilità di far sentire la propria fisicità e imponenza nel corso della sfida. Ma per noi, che peraltro avevamo una panchina corta, essendo solo in 10, è stato davvero un ottimo test che ha esaltato le nostre qualità, contro una compagine fortissima”.

Fin qui, l’aspetto tecnico. Ma, come sottolineato, l’aspetto più importante è stato il ritorno in campo dopo la pandemia Covid.

“Siamo felici – ha spiegato l’allenatore dell’Amatori Catania, Ezio Vittorio – per l’opportunità che ci siamo dati. E‘ strano, e bellissimo, tornare in campo; abbiamo attraversato, tutti, un momento molto particolare e il ritorno al Rugby giocato, seppure con il Tag, è una splendida sensazione. Il campo poi – ha sottolineato ancora il coach degli etnei – è uno dei più belli che ho calcato in vita mia. E, siccome la Sicilia spesso soffre dal punto di vista strutturale, questo rinnovamento fa bene a tutto il movimento rugbistico siciliano”.

Coach Adriano Nicita è sulla stessa lunghezza d’onda. “Ringrazio l’Amatori Catania perchè questa sfida, per i nostri ragazzi è un’ottima occasione per confrontarci con atleti di grande esperienza. Ovviamente il condizionamento al contatto penalizza i nostri amici dell’Amatori, e rappresenta un vantaggio per noi. Ma l’aspetto tecnico, però, conta molto poco in una giornata, per tutti noi, fantastica”.

Anche per i due capitani, l’aspetto agonistico è il meno importante. “Torniamo in campo, a Ragusa – spiega Vincenzo Delfino, Amatori Catania – con un sacco di amici, e questo è l’aspetto fondamentale. La pandemia è stata molto complicata, soprattutto per la necessità di tenere alto il morale del gruppo, pur non giocando. Ma devo dire che le difficoltà ci hanno unito ancora di più”.

“Fa strano – spiega Andrea Gulino, Ragusa Rugby – tornare a giocare, rivedere i nostri compagni di squadra, rivivere, nonostante le limitazioni Covid, lo “spogliatoio”. Una bella sensazione”.

A chiudere le emozioni di una splendida giornata di festa, l’amministratore delegato dell’Amatori Catania, Riccardo Stazzone, e il presidente del Ragusa Rugby, Erman Dinatale.

“Speriamo che questo ritorno – sottolinea Dinatale – rappresenti un buon auspicio per tutto lo sport in generale e per il rugby in particolare. Un doppio augurio a noi e all’Amatori Catania, compagine che, per la Sicilia, è un esempio a cui ispirarsi. Obiettivo, come sempre, principale, divertirsi. Il resto conta poco”.

“Ringraziamo il Ragusa Rugby per l’ospitalità – spiega Stazzone – in quella che rappresenta una vera e propria festa del rugby. Il campo è perfetto, e questo, sicuramente, insieme al ritorno in campo, nonostante abbiamo continuato ad allenarci con costanza per tutto l’inverno, è uno stimolo in più per rendere al meglio, in campo e fuori”.