Categoria: Uncategorized

Ragusa, la grande giornata del Rugby

Molto partecipati gli appuntamenti di domenica scorsa

Presenza ed entusiasmo per gli appuntamenti dello scorso fine settimana

Il Mini-rugby della mattinata di domenica ha dato un piccolo saggio delle grandi potenzialità di un impianto totalmente rinnovato, quale lo stadio del Ragusa Rugby di via Forlanini.

Una grande festa di sport, che ha visto la presenza dei Tauri San Cataldo, Fenici Marsala, San Gregorio e Cus Catania, oltre, naturalmente, ai piccoli atleti del Ragusa Rugby.

Presenza massiccia, di genitori e ragazzi, tutti uniti in una bella giornata di sport.

“Quando possiamo – spiega Andrea Minnucci, Tauri San Cataldo – non perdiamo occasione per uscire e per divertirci insieme agli altri piccoli atleti siciliani. E quella di oggi è stata davvero una bella giornata, ben organizzata e molto partecipata”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Giorgio Carbonaro, Ragusa Rugby, e Marco Quattrociocchi, Fenici Marsala. “Ci voleva – spiegano entrambi – la pandemia ha rappresentato un durissimo placcaggio, ma siamo cresciuti e, in qualche modo, cerchiamo di far crescere i nostri ragazzi. Ci rialziamo e ricominciamo a fare come prima e meglio di prima”.

Soddisfatto il presidente del Ragusa Rugby Union, Erman Dinatale. “Posso solo fare i complimenti a tutte le formazioni siciliane che hanno voluto onorarci della loro presenza e che hanno reso possibile questa splendida giornata, ricca di ragazzi e di divertimento, all’insegna della palla ovale”.

Subito dopo, la palla è “passata” alla Senior Femminile, impegnata nel raggrupamento di Coppa Italia Sicilia, contro il Cus Catania, ancora una volta vincitore, Nissa Rugby, che ha poi partecipato unendosi con le atlete iblee, e Briganti di Librino.

Migliore in campo, per le iblee, Ludovica Gurrieri, mentre i tecnici delle quattro squadre hanno eletto, migliore in campo complessivo, Enrica Pandolfo, Cus Catania.

“E’ stato un momento bellissimo – spiegano entrambe – anche perchè con la nuova formula del seven è tutto ancora più spettacolare e avvincente”.

Un concetto ripreso anche da Lorenzo Dimartino, coach della Senior Femminile. “E’ una formula molto interessante, al di là della spettacolarità maggiore rispetto al passato. Anche perchè, per affrontare una sfida a tutto campo ci vuole preparazione e testa. E tanto, tanto lavoro”.

Soddisfatto anche il coach del Nissa, Fabrizio Blandi. “Ormai con Lorenzo siamo in piena sintonia – spiega – ma ciò che più conta è il grande divertimento che tutte, dalle più piccole alle più grandi, hanno potuto sperimentare in una giornata, importante, di entusiasmo e socialità”.

Salvo Muscuso, coach del Cus Catania, ha ricordato, invece, “che proprio sabato, a Catania, è in programma un Seven con le atlete maltesi, che coinvolgerà le migliori atlete delle squadre siciliane. E’ un momento importante, anche perchè uno dei nostri obiettivi è la creazione di un XV femminile siciliano che possa oltrepassare lo Stretto e sfidare le migliori realtà femminili italiane. Siamo pronti”.

Alla selezione, parteciperanno quattro ragazze del Ragusa Rugby e, per la selezione maschile, cinque ragazzi della formazione iblea. Allenamenti nel corso della settimana e selezione per la discesa in campo, entro sabato.

Il Ragusa Rugby vola in finale

 

La notizia era nell’aria già da qualche giorno, ieri mattina è arrivata dal comitato la conferma ufficiale, il CAS Reggio Calabria si è ritirato dal campionato.
Notizia, che se da una parte ci permette di passare in finale ottenendo l’accesso ai play off per la serie B, dall’altra ci lascia con l’amaro in bocca. Il ritiro dei calabri è un sintomo di malessere del movimento rugbistico di cui facciamo parte, ci dispiace per gli amici di Reggio Calabria, sappiamo come deve essere stato difficile prendere la decisione di ritirare la squadra dal campionato. Siamo però certi che da Rugbysti saranno  pronti a rialzarsi, e noi non vediamo l’ora di risfidarli in campo.
Per quanto ci riguarda invitiamo giorno 13 gennao, tutti gli appassionati del rugby ibleo a festeggiare con la squadra il passaggio alla fase play-off per la promozione in serie B e a sostenere la squadra nella finale che mette in palio il titolo di campione regionale siciliano di serie C per la stagione 2018-2019.
Sapremo chi sarà il nostro avversario, tra una settimana, alla fine del doppio confronto tra Amatori 1963 e Briganti di Librino.

 

Amatori 1963 vs Ragusa 17-18

Guardando la partita in streaming, grazie al supporto delle riprese di GS Video, uno spettatore poco attento potrebbe giudicare quanto visto in campo come poco divertente, ma se la partita si guarda con gli occhi di chi questo sport lo sente nel cuore, si può solo dire di vere assistito ad un grande match, giocato ad altissima intensità e con tutta la passione di chi crede in quello che sta facendo. Le due quadre in campo, per tutti gli 80 minuti, hanno dato il massimo, regalando agli appassionati che seguivano la partita un vero e proprio spettacolo.

Daniele Gulino terza linea del Ragusa Rugby in una azione di difesa

Quella di domenica doveva essere l’ultima gara del girone di qualificazione utile a definire la composizione delle semifinali e finali che accrediteranno le 2 formazioni che arriveranno in primoa e seconda posizione a disputare da Febbraio i Play Off  per il passaggio in serie B.
In realtà si giocherà ancora, molto probabilmente, il 2 dicembre il recupero della gara con i Briganti di Librino. 

Le partita con le squadre del Professor Trovato non sono mai semplici e scontate, gli ultimi incontri infatti sono sempre stati caratterizzati da un sostanziale equilibrio che come abbiamo precedentemente detto regalano sempre partite adrenaliniche e piene di pathos.

L’amatori comincia subito bene andando in meta dopo 10 minuti, il Ragusa deve attendere fino al 33° per muovere il tabellino, lo fa con un piazzato dalla lunga distanza di capitan Failla che si ripete dopo qualche minuto chiudendo il primo tempo con il risultato di 5 a 6 per gli iblei.

Al rientro in campo il Ragusa sembra ancor più determinato, la grinta e la determinazione di Coach Lamia sembra aver scosso i suoi uomini che però al 10° rimangono in 14 per l’espulsione della terza linea Stefano Russo reo di aver portato un placcaggio alto ad un avversario, subito dopo l’Amatori affonda il colpo andando per la seconda volta in meta per il temporaneo 10 a 6.
Un uno due micidiale che invece di abbattere i ragusani li carica all’inverosimile.
Sale in cattedra il numero 8 Ibleo Daniele Gulino, che diventa il propulsore di un pacchetto di mischia da questo momento in aventi sempre avanzante.
E’ lui che palla in mano da una ruck sceglie di corre sul lato chiuso guadagnando  i primi 5 metri, Andrea Gulino rilancia Paride Vona per un’altra carica degli avanti ragusani poi apre rapidamente per Failla che orchestra per la linea di trequarti che mandano in meta l’estremo Ruben La Rocca. Failla trasforma 10 a 13.

Il Ragusa Rugby non molla la presa e prima di andare a meta per la seconda volta potrebbe segnare almeno altre 2 volte.

La meta del break arriva comunque al 75°, altra percussione degli uomini di mischia all’altezza dei 10 metri catanesi, ottima pulizia in ruck, Gulino gioca agevolmente per Failla, trasmissione per Valenti, palla veloce a Dinatale che trova un primo buco e poi abilmente passa al compagno schierato all’ala Giovanni Zago, che conclude la corsa in meta.
Errore dalla piazzola per il capitano e punteggio che a pochi minuti dalla fine dalla partita è di 10 a 18.

Nei minuti di recupero l’Amatori 1963 sfrutta una delle poco disattenzioni difensive di tutta la partita del Ragusa. Va in meta dopo avere ben spostato l’ovale da destra verso sinistra e sfruttando un paio di placcaggi mancati.

Il risultato cambia per 17 a 18 finale.

Migliore in campo Giron Viaggi di giornata al terza linea Daniele Gulino, e menzione speciale per tutto il pacchetto di mischia.

Qui trovi tutte le foto della partita per cui ringraziamo il supporto di Francesco Vona.

A seguire l’intervista post partita al Senatore del Ragusa Rugby Mario Bella. Siamo andati a trovarlo al lavoro nei laboratori Hiblasus.

Alle 13.00 l’Under 18, alle 14.30 la Serier C

Domani allo Stadio del Rugby di via della Costituzione a Ragusa inizia la stagione Rugbystica per gli appassionati iblei della palla ovale.
Alle 13.00 in campo la categoria Under 18 alle 14.30 la Serie C1.

Seconda giornata quindi per gli uomini di Alessio Lamia che avrebbero dovuto giocare in trasferta a Catania, e invece giocheranno la prima in casa di questa stagione per via del maltempo nelle zone del catanese che ha reso ancor più impraticabile il San Teodoro casa dei Briganti di Librino.

La formazione Iblea rispetto alla scorsa settimana a Reggio Calabria ritrova alcuni dei ragazzi allora indisponibili, tra tutti Dario Imbesi fondamentale nel gruppo per carisma ed esperienza.

Questo inizio di stagione, che prevede un girone con poche squadre, è fondamentale all’integrazione dei più giovani nelle dinamiche del gruppo dei compagni più anziani. 

Ci sarà da divertirsi anche nella partita Under18 che si giocherà alle 13.00
La formazione Ragusana così come la Prima Squadra affronta i Briganti di Librino, i ragazzi promettono ai loro sostenitori un rugby di Rugby di buon livello.

Alle 11.00 la formazione under16 giocherà a Catania al Santa Maria Goretti con l’Amatori Catania, li seguiremo a distanza e vi faremo sapere come va.

Siete quindi tutti invitati per sostenere il Rugby Ragusano!