Categoria: News

Il Rugby “spopola” in Spiaggia

L’entusiasmo dei piccoli rugbisti in erba

“Una giornata di sole, mare e, ovviamente, rugby”.

Così il Presidente del Ragusa Rugby Union, Erman Di Natale, commenta l’ormai consueto appuntamento con il “rugby in spiaggia”.

Grande agonismo, durante le sfide in spiaggia

Un’iniziativa fortemente voluta dalla società, che nelle domeniche d’estate a Marina di Ragusa, tra il “Margarita” e “LaOla Beach”, coinvolge e appassiona tanti bambini.

Ieri, tanti ragazzi in spiaggia, come sempre, entusiasti e coinvolti nei “primi approcci” con la palla ovale.

Foto di Gruppo al termine di “Rugby in Spiaggia”

“Consultandoci con il resto della società – spiega Andrea Iacono – abbiamo notato che molta gente, a Ragusa, conosce il Rugby solo di nome. Per questo, abbiamo deciso di partire dalle spiagge di Marina, e soprattutto dai bambini. E devo dire che, dopo aver provato l’emozione di giocare, tutti, ma proprio tutti, si sono divertiti ed entusiasmati”.

Erman, al termine della giornata, appare un pò stanco, ma molto, molto soddisfatto.

Anche perché, la risposta dei bambini, come sempre, è stata davvero importante. Sia in termini numerici che, soprattutto, di divertimento.

I ragazzi impegnati nelle sfide di mini-rugby

“E’ sempre bellissimo – spiega – per noi, giocare con i bambini. E vedere che tante mamme e tanti papà, appena conoscono il nostro mondo, si appassionano. Ovviamente, ora, ci aspettiamo un’ulteriore crescita, nei prossimi appuntamenti”.

E questa settimana, la data da segnare in rosso sul calendario, per tutti i curiosi e gli appassionati, è quella di mercoledì

“Saremo presenti a “LaOla Beach”, -spiega ancora il Presidente – per Marina Sport Week, con tornei dedicati al mini-rugby. L’auspicio, ovviamente, è che molti dei bambini che ho visto veramente contenti di giocare, passino, al più presto, al manto erboso, – conclude Erman – e diventino dei veri e propri rugbisti in erba”.


Stanchi ma soddisfatti. I ragazzi e gli organizzatori del “Rugby in Spiaggia”


IL RAGUSA RUGBY E’ IN SERIE B

Da ieri sera il Ragusa Rugby può finalmente gridare a gran voce, SERIE B

Due settimane fa veniva assegna la prima posizione assoluta al Ragusa Rugby, da ieri sera dopo che la formazione Under14 giocando e vincendo a Messina il suo ultimo incontro stagionale arriva anche la certezza del passaggio in B.

Il rugby più di ogni altro sport è gioco di squadra, lo è anche nel raggiungimento degli obbiettivi stagionali. Il passaggio di categoria è subordinato al raggiungimento di obbiettivi che favoriscano lo sviluppo del Rugby di Base, sotto questo aspetto la nostra società è sempre stata tra le più virtuose di tutto il movimento Siciliano.

Proprio per questo la vittoria di un campionato diventa la vittoria di un’intero movimento, dove ogni ragazzo partendo dall’under6 fino ad arrivare al primo XV fa parte di un unico progetto con l’intento di fare crescere quantitativamente e qualitativamente il Rugby.

I Giocatori del Ragusa Rugby promosso in Serie B

ARRABITO GIANFRANCO, BELLA MARIO, BELLINA TERRA ALESSANDRO, BELLINA TERRA SALVATORE, BONOMO MICHELE, BUFFA SALVATORE, CAPPA ALESSANDRO, CARBONARO GIORGIO, COVATO NICCOLO’, CRISCIONE DANIELE, CRISCIONE DANIELE, DIALLO IBRAHIM, DIALLO MUSTAFA, DINATALE IVAN, FAILLA FRANCESCO, FURNARO TIM,
GAROZZO GIUSEPPE, GUEYE OUSMANE, GULINO ANDREA, GULINO DANIELE, IMBESI DARIO, LA ROCCA RUBEN, MALFA SIMONE, MIGLIORISI ALESSANDRO, NICITA LORENZO, PUGLISI ANDREA, RUSSO STEFANO, SAMMITO DAVIDE, SARTORIO GIULIO, TUMINO STEFANO, VALENTI ENOC, VONA PARIDE, VONA TESEO, ZAGO GIOVANNI

lo Staff

Allenatori: Alessio Lamia, Adriano Nicita
Preparatore atletico: Erman Dinatale
Fisioterapista: Andrea Buscemi
Team Manager: Luca Tavernese
Supporto Video: Salvatore Guastella

la Dirigenza

Presidente: Erman Dinatale,
Vice Presidente: Paolo Sartorio
D.S.: Giovanni Biazzo
Consiglieri: Andrea Buscemi,Maurizio Fumarola, Massimo Savarino, Gianna Giummarra, Giorgio Carbonaro, Francesco Failla, Francesco Schininà, Adriano Nicita, Stefano Russo, Giuseppe Cusumano, Gianluca Occhipinti, Luca Tavernese.

Seconda convocazione in Nazionale a XIII e prima meta per il nostro capitano.

E’ questa la moneta che ripaga i tenti sacrifici fatti da una società come la nostra che fa Rugby di Base. Giulia Iozzia il Capitano della formazione femminile del RAGUSA RUGBY torna dalla sua seconda esperienza con la nazionale di Rugby League XIII, questa volta ad Instanbul contro la Turchia, portandosi a casa la sua PRIMA META IN NAZIONALE

La meta del Capitano del Ragusa Rugby Giulia Iozzia

Ci racconta come è andata:

A differenza della prima volta è stato più facile ambientarsi, in quanto conoscevo già parecchie compagne di squadra, avendo giocato contro la Francia a Carcassonne lo scorso novembre.
L’ansia ha iniziato a prendere il sopravvento nel riscaldamento, ma l’ho subito scacciata lasciando spazio alle emozioni con l’inno, alla concentrazione per la partita e alla voglia di dare il massimo in campo.
Rappresentare la propria nazione è sempre motivo di orgoglio e di fierezza, e son contenta di essere stata tra le giocatrici scelte nell’indossare quella maglia.
Riguardo alla partita: le turche sono partite con una marcia più ingranata della nostra inizialmente realizzando più mete; noi risultavano più contratte al confronto, ma non è un motivo valido per gettare la spugna, anzi abbiamo iniziato a carburare e a realizzare delle belle giocate di squadra, che mi hanno portata a fare meta allo scadere del primo tempo.
È indescrivibile l’orgoglio che mi riempiva il cuore in quel momento e la felicità provata in quell’istante, dovuto anche all’abbraccio delle mie compagne di squadra. Nel secondo tempo iniziamo subito a rimontare mettendo a segno altre due mete importanti, arrivando a pareggiare le mete con la squadra avversaria, restando però indietro di due trasformazioni. A metà del secondo tempo un infortunio mi ha costretto ad abbandonare il campo e stessa sorte tocca qualche minuto dopo ad altre due mie compagne indebolendo il ruolo di pilone.

Alla fine dell’incontro perdiamo di misura contro le turche 18-14, ma ne usciamo a testa alta, consapevoli dell’impegno messo e del nostro valore. L’infortunio non ci voleva, anche alla luce dei prossimi incontri a metà giugno e inizi di luglio contro la Serbia e la Francia, ma nonostante questo, ne esco come sempre felice di aver fatto questa meravigliosa esperienza, sicuramente unica e costruttiva, spero di rimettermi quanto prima ed essere pronta per l’inizio della nuova stagione.

Giulia Iozzia capitano del Ragusa Rugby

A due passi dalla B

Nell’ultimo comunicato relativo al Campionato Nazionale di serie C il giudice sportivo ci assegna la prima posizione assoluta per via del fatto che la società San Giorgio del Sannio, con cui condividavamo il primo posto è risultata non in regola con l’assolvimento dell’attività obbligatoria Under14, necessaria per la promozione in Serie B, per tanto la gara di spareggio tra le due società non si è disputata.

Attendiamo quindi che i nostri piccoli campioni dell’Under14 completino il loro percorso, mancano ancora due partite,
per poter finalmente gridare a voce alta Il RAGUSA E’ IN SERIE B